Il combattimento nella tentazione - Santa Caterina da Siena

s.caterina da siena

Santa Caterina da Siena

Lo spirito maligno aveva avuto licenza da Dio di attaccare la castità di quella santa vergine con tutta la rabbia che voleva, purché non la toccasse. Si mise dunque all'opera, insinuandole nel cuore ogni sorta di oscenità e, per creare in lei un'emozione ancora più forte, le si presentò con i suoi diavoli in sembianza di uomini e donne, che si esibivano davanti a lei, in ogni genere di oscenità e di sconcezze aggiungendo parole e inviti indecenti; benché tutte quelle manifestazioni fossero esteriori, cionondimeno per mezzo dei sensi penetravano molto profondamente nel cuore della giovane donna; il cuore ne era saturo.

Libera da questa tormenta di oscenità e di piaceri carnali le rimaneva soltanto la sottile e pura volontà superiore. Questo durò per molto tempo; finché un giorno le apparve Nostro Signore. Gli chiese subito: " Dov'eri, mio dolce Signore, quando il mio cuore era così pieno di tenebre e di brutture? " Rispose il Signore: " Figlia mia, mi trovavo nel tuo cuore ". " E come, replicò lei, potevi abitare nel mio cuore, dove c'erano tante oscenità? Tu abiti in luoghi così malfamati? " Le rispose Nostro Signore: " Dimmi un po', quegli sporchi pensieri del tuo cuore ti davano piacere o tristezza, amarezza o diletto? " E lei: " Grande amarezza e tristezza". Replicò il Signore: "Chi era a mettere quella grande tristezza e amarezza nel tuo cuore, se non io che mi tenevo nascosto nel profondo della tua anima? Credimi, figlia mia, se io non fossi stato presente, quei pensieri che premevano intorno alla tua volontà senza poterla piegare, senza di me l'avrebbero vinta e vi sarebbero penetrati, e il tuo libero arbitrio li avrebbe accolti con piacere, e così avrebbero dato la morte alla tua anima; ma siccome dentro c'ero io, inculcavo disgusto e resistenza al tuo cuore, di modo che con tutte le forze non cedesse alla tentazione. Non potendo annientare la tentazione, come avrebbe voluto, provava un disgusto ancora maggiore e un odio profondo contro di lei e contro se stessa; e così quei tormenti erano un grande merito ed una grande vittoria per te, una grande crescita della tua virtù e della tua forza ".

Utenti Collegati

Abbiamo 61 visitatori e nessun utente online

Histats

Maranathà

FIRMA PETIZIONE DIFESA FAMIGLIA

Firma No Matrimonio Gay