La Creazione di Adamo - Michelangelo

creazioneadamo michelangelo

Creazione di Adamo - Michelangelo (Cappella Sistina)

Simone Weil

Ogni volta che lo guardo non posso impedirmi di pensare che sia un capolavoro e quindi una sorgente di suggestioni e riflessioni infinite e incessanti.

A sinistra Adamo, la creatura  nuda, con la sua finitudine e fragilità. Poggiato sulla  terra unica certezza che lo puo sorreggere. Il suo corpo è bellissimo, “la piu’ bella tra tutte le creature” . A destra il Creatore, asserragliato da angeli che come cuccioli  sentono l’altro come estraneo e diverso da cui tenersi a distanza. Il braccio del Creatore è in tensione energica, sprizza  energia e vita che aspetta solo di essere trasmessa. Il braccio di Adamo è rilassato piu passivo, in attesa,  comunque disposto ad accogliere.

A destra il coro divino con la sua grandezza e nobiltà

A sinistra la solitudine di Adamo con la sua semplicità e miseria

Ma lo spazio direi magico e profondamente geniale è lo spazio di vuoto tra le 2 dita, quei centimetri di azzurro tra le linee del rosa pelle.

E’ lo spazio della libertà, infinita differenza tra lui e la realtà degli angeli attaccati a Dio  fatti per essere come Dio,  a pensare sempre come Dio e in Sua vece.  L’uomo invece è solo di fronte alle sue scelte ma per questo anche libero.  Essere che puo' anche disobbedire, puo anche pensare e fare senza Dio o “etsi Deus non daretur”.

Tre centimetri di azzurro sono lo spazio immenso che trasforma la miseria dell’uomo in un essere grandioso e nobile. Se quelle dita si toccassero anche l’uomo sarebbe un angelo come altri…ma le dita non si toccano e grazie a questa distanza creata , voluta e qui disegnata... si ha la vera radice e origine di un essere unico e magnifico.

Utenti Collegati

Abbiamo 59 visitatori e nessun utente online

Histats

Maranathà

FIRMA PETIZIONE DIFESA FAMIGLIA

Firma No Matrimonio Gay